sabato 30 luglio 2016

24 PRESENTI

Secondo stage di periodo con 24 presenti su 28.
Prosegue il programma prestabilito e man mano aumentiamo le difficoltà.
Sempre suddivisi in due gruppi distinti ed uniti solo nel riscaldamento e campo libero.
Il primo giorno è veramente triste con il sole che risplende sulle piste rese grigie dal maltempo notturno.
La neve si spacca subito diventando molle dopo i primi tre giri.



Riprendiamo sempre con lo slalom e tracciamo sul Geister 2.
Due pezzi con prima parte palo lungo molto facile, mentre la parte sotto sul ripido con porte molto angolate a 13 metri.
Visto che la neve è molto lenta ed il pendio facile, ci concentriamo su alcuni aspetti fondamentali dello slalom. La semplicità dell'azione con braccia e busto molto ferme, linee sopra il palo e liberare lo spigolo già quasi prima del palo.
Tanti giri per maccanizzare il gesto, l'impatto del palo. Bisogna avere molta pazienza ed essere bravi a coprire gli spazi, collegano curva con curva.
Nella parte sotto ci concentriamo sulle linee e sull'uscita del busto.
Un buon lavoro di quasi quattr'ore, con finale senza pali cercando di adattarci alla buca ed abituarci a caricare molto bene l'esterno.



Secondo giorno in condizioni veramente ottimali.
Ci spostiamo sulla variante del Payer dove il pendio è più ripido. Un mix di pali lunghi e nani, con neve dura ed angoli impegnativi a 10-11 metri.
Sempre riscaldamento sul Cristallo alternando discese in continua spinta, ad altre dove cerchiamo di creare molta curva ed un taglio pesante in ingresso.
Ogni tanto l'appoggio del bastone aiuta a creare ritmo e fermare il busto.
Ottima giornata!!







































I pomeriggi li passiamo a Bormio tra kart, calcio, pallavolo ed andature.
Avanti così.
Winch


giovedì 28 luglio 2016

NON SI "MOLLA"

Purtroppo ci siamo subiti quattro giorni di neve molle e tempo estremamente perturbato.
L'allenamento è andato avanti comunque con i soliti orari, lavorando sulla tecnica e continuando il percorso che ci siamo prefissati all'inizio dell'estivo.







































Due giorni di gigante e curve larghe con due obiettivi diversi.
Sabato con neve molto molle un tracciato sul Geister molto filante a 26-27 metri, domenica con neve più dura, qualcosa di più impegnativo sul giro del Payer, distanze a 25 metri.
Riscaldamento e campo libero sul Cristallo con pochissima gente sul ghiacciaio.
Quest'anno partiamo sempre con lo slalom per ritrovare molta brillantezza in gigante, cerchiamo di migliorare sia l'ingresso curva con esercizi di "sci interno alzato", solidità sulla gamba esterna e contrapposizione del busto dalla massima pendenza.


Il sabato una dozzina di giri alternando prove in "posizione" ad altre cercando di sfruttare al massimo la buca, ricercando centralità e scorrevolezza.
La domenica con un atteggiamento più aggressivo e convinto sul ripido, linee ben sopra il palo, maggior precisione, ordine e pulizia, un buon collegamento curva con curva.
Sempre un grande impegno da parte di tutti ed ottima situazione per valutare se il lavoro procede al meglio.
Chi ha sciato di più inizia a trovare un buon ritmo, gli altri si aggregano al gruppo cuccioli, per fare qualche prova sul "facile".
Non si molla!!
Winch



venerdì 22 luglio 2016

ALLENAMENTI DIFFERENZIATI

Dopo tre giorni di recupero, per i ragazzi che avevano gli esami di scuola media o qualcuno andato in vacanza, riprendiamo con un blocco di tre moduli di allenamenti ravvicinati.
Quattro giorni - tre giorni di riposo - quattro giorni - due di riposo - tre giorni.
Poi venti giorni di stop.



In questo primo stage abbiamo ben 23 ragazzi tutti molto motivati con quattro allenatori a gestirli.
Quest'anno, come più volte ho ribadito, non abbiamo punte di estremo valore, ma contiamo di farli crescere e molto, in prospettiva futura.
I livelli tecnici sono diversi e dobbiamo esser bravi a differenziare il lavoro, per permettere ad ognuno di poter progredire ed esprimersi al meglio.
L'unico aspetto negativo è constatare che alcuni ragazzi hanno praticamente iniziato a sciare da questo periodo......non è il massimo per poter programmare una buona stagione.
Ho anche due infortunati da recuperare ed anche per loro un lavoro personalizzato e specifico, che comporta un percorso molto attento e graduale, in modo di fargli trovare sicurezza e non creare difficoltà.



Primi due giorni di slalom con un tempo piuttosto perturbato, che non ci limita nel programma, con ca. 4 ore di allenamento al giorno.
Il sole ogni tanto esce, qualche goccia, la neve non è il massimo ma ci adattiamo diversificando molto sia i pendii e sia i lavori.
Dividiamo i ragazzi in due gruppi, separandoli per livello tecnico e per presenza estiva.
Riscaldamento e campo libero sul Cristallo che risulta sempre perfetto per gli esercizi, trovare automatismi, martellare sui concetti chiave e sistemare ad ognuno i propri difetti.
Ci focalizziamo su un obiettivo sul quale concentrarsi.....busto fermo, braccia ordinate, taglio in ingresso curva, gamba molto solida, sono quelli più frequenti.
Tommy si sacrifica con grande impegno con Kevin che deve recuperare dall'infortunio, oltre che dare una mano nel "tenere in piedi i tracciati".....grande supporto.
Albo continua il suo inserimento nel gruppo ed il suo apporto tecnico. Ha molta voglia e questo sarà importante per il proseguo dell'attività.
Con David c'è sempre quel rapporto ormai consolidato.....capire al volo quali sono gli esercizi e su cosa lavorare.



Primo giorno tracciamo sul "giro" del Payer con prima parte pali nani....curvoni molto rotondi a 10-11 metri, seconda parte con pali lunghi nel finale del muro che sfociano sul piano. In totale almeno 50 curve per dodici giri.
Un gruppo si sposta sul tracciato mentre l'altro continua il campo libero. Anche noi allenatori ci alterniamo nei lavori.



Secondo giorno un tracciato palo lungo sul ripido del Payer con distanze ad undici metri ed angoli "importanti", seconda parte con pali da gigante a 13 metri, per migliorare il bloccaggio del busto e le linee sopra il palo.
Un altro tracciato sul Geister, più facile per chi è più indietro, con prima parte molto ritmica e filante, mentre il secondo tracciato sul ripido finale, angolato.
La neve è molle e vengono fuori man mano delle bellissime vasche.
L'ultima ora tiriamo via tutto e sciamo nelle enormi buche per alcuni giri di assoluto divertimento ed adattamento.....ottimo lavoro......altro che ski-cross....
Pomeriggi con attività a Bormio.
Winch




domenica 10 luglio 2016

CIELO BLU

Ultimi due giorni veramente eccezionali.
Programma impostato sul gigante, con neve dura, sole e temperatura fantastici.
I ragazzi sono diciassette e tutti molto carichi.
Allenatori siamo in tre: Io, David ed Albo.
La funivia apre alle 6,45 allenatori ed i ragazzi alle 7......per le 7,15 si ha gli sci ai piedi.....senza alzarsi alle 5......
Allo Stelvio le piste c'è la possibilità di sceglierle in base al lavoro che intendi fare: alle 11,30 c'è una riunione allenatori al Livrio, per capire quale sarà la tua linea.
Geister gigante e slalom medio-facile, Paier gigante e slalom medio-difficile e Cristallo dossi.
Ottimi anche il terreno e gli spazi per fare campo libero.....possibilità della pista da superG e Ski-Cross.
Per le attività alternative, tra Bormio, Santa Caterina e Livigno, c'è tutto quello si può desiderare.



Mercoledi tracciamo gigante sul Geister, come seconda linea. Un tracciato a 26-27 metri con 26 porte per 12 giri. Campo libero al Cristallo dove riusciamo ad alternare sciate in libertà ed esercizi personalizzati a seconda dei ragazzi. 8 giri per trovare ritmo e meccanizzare il gesto.
Lo sci risponde alla grande ed i ragazzi dimostrano buona tecnica ed entusiasmo. C'è da lavorare sodo....ma lo sappiamo e continuo a fare il lavaggio del cervello.
Quattro ore e un quarto di allenamento.
Pomeriggio a Livigno per una grandissima sfida ai kart, pieno di gasolio e rientro allo Stelvio.



Giovedì giornata mega-galattica con gigante ai dossi del Cristallo.
Fianco a noi lo Sci Club Megeve ed il Valpalot.
Traccio io per primo a 25 metri molto rotondo.
Bello perché senza utilizzare i ciuffetti in entrata, i ragazzi trovano subito le giuste profondità e rotondità....forse fin troppo ma è la prima volta che  facciamo gigante, un po' più seriamente.
Riusciamo ad aumentare il campo libero con quei ragazzi che hanno sciato meno o sono più indietro tecnicamente.
In totale ancora una decina di giri più altrettanti nel tracciato di 27 porte.
La neve rimane dura fino a quando scendiamo per chiudere una quattro giorni molto redditizia.
Grande Lecco!!






martedì 5 luglio 2016

REGOLE DI COMPORTAMENTO

Siam partiti con regole più ferree in quanto a comportamento.
La maggiore convivenza con i ragazzi h24 ed il rispetto di un certo codice etico e di educazione, ci ha obbligato a predisporre un regolamento da seguire e rispettare.
Gli orari vengono dati in fase di riunione e devono essere tassativi. La partenza in pulmino è rigida ed ognuno predispone la sveglia in base alle sue abitudini di vestizione, di colazione, mettere gli scarponi e caricare gli sci.







































La sera alle 21,45 bisogna essere in camera ed alle 22,15 cellulari spenti in modalità aereo e dormire.
Il concetto di base deve essere arrivare in cima tra i primi e scendere sempre tra gli ultimi, in modo che ci si possa allenare al meglio.
I cellulari non possono essere tenuti a tavola....dove si mangia...punto.
I materiali devono essere scaricati e messi in ordine nel nostro deposito fisso al Folgore. Attenzione ai sassi e cura degli sci.
In albergo, in pista ed in coda bisogna comportarsi da persone civili senza farsi "riconoscere".....linguaggio moderato.....almeno si spera quando noi allenatori siamo lontani. Rispettare gli adulti ed i gestori, il materiale che non è nostro....
Fare squadra nel gruppo, aiutarsi e rispettarsi.....giocare, divertirsi tra amici....e ricordarsi di essere lo Sci Club Lecco......1931 società di tradizione e di sani valori. Io sono cresciuto qui.....dal 1972 e bisogna averlo nel cuore.
Ultimo aspetto molto importante è il rapporto grandi - piccoli. Non deve esistere "nonnismo" ma solo un sano rispetto tra i ragazzi. I grandi aiutino i più piccoli e siano di esempio, mentre i giovani abbiano rispetto per i più "vecchi".......


I controlli saranno maggiori e le punizioni esemplari, al fine di migliorare l'educazione e la convivenza.....oltre che l'immagine. Andare forte con gli sci sarà il secondo obiettivo.
Io ci ho sempre creduto.....forse ultimamente avevo mollato il colpo.....ma si torna all'antico.







































Oggi grandissima giornata allo Stelvio.....da cerchiolino rosso!
Ancora slalom e primo approccio al palo lungo.
Sul Geister facile con una sequenza di 32 curve con un angolo medio a 11 metri, tutte regolari.
Seconda parte sul muretto finale per 25 curve molto rotonde con palo nano.
Cielo sereno, neve dura e lo sci che risponde alla grande.
Otto giri di campo libero sul Cristallo per trovare automatismi e lavorare sui soliti argomenti ed obiettivi.
Tredici giri di palo lungo pensando solo a fare la curva sopra il palo.
Idem nella parte sotto ricercando il tempismo ed il taglio in ingresso curva.
Più di 600 curve per trovare automatismi.
Dalle 7,15 alle 11,30 con una pausa merenda e zero lamenti.....tutti con grande impegno.
Procediamo alla grande!
Winch






LA GUERRA DEI SELFIE

Mi soffermo su un simpatico argomento.
I ghiacciai più frequentati e famosi dell'arco alpino sono quelli dello Stelvio e di Les 2 Alpes.
Non voglio entrare nel merito dei pregi e difetti tra uno e l'altro.....dovrei utilizzare mille righe per farlo.....ma forse un giorno ci proverò.





La cosa che fà sorridere è il continuo tam-tam che sui "social" continua a rimbalzare: una girandola di fotografie, selfie, paesaggi, passaggi di slalom che si confrontano tra loro per dimostrare qual'è il più bello, il più redditizio.











"Oggi allo Stelvio c'era la nebbia, mentre a Les 2 Alpes era serenissimo.....qui la neve è più dura, là era 'pappa'.....oggi era chiuso per vento mentre allo Stelvio giornata da urlo.....", tantissime situazioni che ognuno cerca di far passare per
migliore dell'altra.




Una cosa è certa: tutti e due posti con fantastici paesaggi.....per alcuni "uffici"....dove i ragazzi si allenano per prepararsi al meglio alla stagione agonistica, ma anche puro divertimento, con snow-park, ski-cross, MBK, piscine, adventure park e camminate nella natura.



Oggi abbiamo ripreso gli allenamenti.
Giornata di slalom pali nani e porte da gigante.



All'inizio stupendo, poi una nuvola ha rovinato la giornata rendendola normale.
Prima neve dura per poi passare al molle.


FANTASTICO alla fine quando abbiamo tolto i pali ed i ragazzi si sono divertiti adattandosi a delle vasche profonde e perfette per rotondità, in un continuo adattamento, un lavoro di gambe e gestione del corpo.


Anche in questo turno abbiamo 18 ragazzi...buona presenza e grande impegno.
La partenza della funivia alle 7 ci ha permesso di lavorare dalle 7,15 alle 11,30 in modo molto proficuo.
Pomeriggio a Premadio nel campo di calcetto, pallavolo ed un po' di attività.
Winch





sabato 2 luglio 2016

CADUTA MASSI

Due giorni di allenamento con pochissima gente.
Qualche masso sulla strada da Bormio allo Stelvio obbligano a tornare indietro chi normalmente sale al mattino.
Noi ne approfittiamo di un ghiacciaio vuoto per fare un altro ottimo giorno sul Geister in fondo scendendo a destra, in un pendio molto costante ed una neve ben battuta.
Bellissima giornata senza nuvole.


Il fondo tiene bene fino alle 10 per poi cedere e poter effettuare qualche giro nelle buche ben omogenee, grazie al palo nano ed ai ciuffetti di riferimento.
Al terzo giorno di slalom i ragazzi hanno ben assimilato il concetto di rotondità, di adattamento ed ordine con busto e braccia. Battiamo il chiodo sulla solidità e taglio in ingresso curva.
Alterniamo prove sia con che senza bastoni ed esercizi vari.
Anche oggi due tracciati: prima parte 36 pali nani a 11 metri, con qualche variazione di ritmo e poco angolo, seconda parte 16 curve con pali da gigante a 13 metri. Dodici prove.
Prima campo libero per ca. un'ora.
Pomeriggio attività atletica con calcio, pallavolo e camminata al Garibaldi.



Giovedì con sci da gigante in una giornata a banchi di nebbia e sprazzi di sole.
Tracciamo sul Geister molto facile per ritrovare i tempismi, le profondità, gli appoggi sia in ingresso che in uscita curva.
Vista la poca visibilità ci posizioniamo quattro allenatori lungo il tracciato per controllare e fornire i giusti in-put.
45' prima e 30' dopo sfruttiamo la buona visibilità sul muretto finale del Geister per fare ottimi esercizi in campo libero e martellare sugli automatismi e semplicità del gesto.
Contento per i ragazzi che si allenano con molta volontà e dedizione, senza mai lamentarsi.
Anche il nuovo Team di allenatori prende forma, con molto impegno e collaborazione.
Alla prossima

Winch

video



mercoledì 29 giugno 2016

DR.FOG & MR.SUN

Secondo modulo di allenamento allo Stelvio.
18 ragazzi presenti, con sette che hanno finito gli esami di terza media.
Qualcuno manca per vacanza al mare o recuperi a scuola.
Quattro allenatori presenti per poter differenziare il lavoro in base al livello tecnico.



Ieri giornata disastrosa con nebbia fitta a banchi e neve molle di nevicata.
Come lo scorso periodo optiamo per tre giorni di curve strette ed uno di curve larghe.
All'inizio l'obiettivo è rimettere gli sci ed essere molto sensibili su un terreno piuttosto sconnesso.
Al Cristallo si vede meglio e possiamo far girare i  ragazzi in campo libero, focalizzandoci sugli appoggi e l'ordine di braccia e busto.
Ad un certo punto migliora e riusciamo a tracciare slalom pali nani sul "giro" del Payer, con molto angolo a 11-12 metri.
Si formano enormi buche che obbligano ad un continuo adattamento ed appoggio.
Curva rigorosamente sopra il palo, ne viene fuori un ottimo lavoro di "montagne russe" dove i ragazzi cercano di gestire il corpo e lo sci nella vasca.
Riusciamo comunque a sciare per tre ore e mezza per una giornata che comunque diventa redditizia.



Oggi invece giornata da urlo. Sole, zero nuvole e neve dura fino a mezzogiorno.
Alle otto e cinque abbiamo già gli sci ai piedi. Ritracciamo nello stesso posto di ieri, con due tranche, dove la prima e molto angolata a 11 metri e la seconda piuttosto filante a 7-8 metri.
Riscaldamento sul Cristallo dove i ragazzi se la godono con una neve che risponde molto bene e ci permette di fare almeno 8 giri con vari esercizi.
Ci spostiamo sul tracciato, che abbiamo arricchito di ciuffetti di riferimento, per trovare la giusta profondità e la curva sopra il palo.


Obiettivo la ricerca di una buona solidità e taglio in ingresso, busto fermo, appoggio del bastone.
Alterniamo qualche esercizio senza bastoni per migliorare l'equilibrio e la gestione delle braccia.
39 curve per 11 giri in due pezzi......gran lavoro.
Finiamo con tre giri sul muro del Payer, per un cortinaggio che ci serve per essere più ordinati di busto.
Premio il loro impegno finendo alle 12.
Direi tutto fantastico con i ragazzi che li vedo molto motivati e propositivi.
Come inizio sono molto soddisfatto, sia per il comportamento e sia per la voglia che i ragazzi ci mettono.
Dovremo lavorare sodo per essere competitivi.....la concorrenza preme.
Winch



martedì 21 giugno 2016

2016-2017 SIAM PARTITI

Eccomi ancora.
Trentunesima stagione da allenatore dei Children.......e non mollo!
Non mollo perché mi diverto troppo.
Mi piacerebbe anche fare altre nuove esperienze, per trovare stimoli diversi, per mettermi in gioco.
Ma sono ancora qui, ad affrontare nuove sfide.
Un gruppo piuttosto rinnovato senza "punte" di estrema qualità, ma cercheremo di costruirle in prospettiva futura.
Bravi ragazzi che hanno voglia di combattere, sacrificarsi in un sistema sempre molto complesso, a due ore e passa di distanza dalla nostra sede operativa.
Mille idee che vorrebbero migliorare questo status, per facilitare l'attività.....ve ne parlerò col tempo.
Un sistema che però ci ha sempre permesso di ottenere grandi risultati, specialmente in questi ultimi 15 anni.



Ripartiamo come al solito dallo Stelvio, dove ci sono tutti i presupposti per portare avanti il miglior lavoro.
Piste, pendii, situazioni di neve che ti permettono di variare molto il lavoro.....l'allenamento.
La possibilità di poter fare lo stagionale, vivere in albergo Folgore al Passo, svegliarsi in orari decenti, essere in un attimo sulla pista. Scendere con calma al pomeriggio a Bormio per fare attività alternative.



Il Team di lavoro perde una grossa pedina. Yari ha deciso di dedicarsi all'azienda di famiglia.....purtroppo.
Peccato.....ha sempre fornito un ottimo supporto. Passione, entusiasmo, sacrificio ed amicizia con i ragazzi. Elemento instancabile. Sarà sempre il nostro primo tifoso. GRAZIE
Lo sostituiamo però degnamente con un allenatore/istruttore che è nato nello Sci Club Lecco.
Giuseppe Alborghetti....bentornato!
Un tecnico che ci farà fare sicuramente un passo avanti.....ne sono sicuro, con tanto entusiasmo.
David e Tommy saranno lì al loro posto per creare "squadra", per dare tutto il loro solito supporto e professionalità. Insostituibili.



Primo periodo di quattro giorni con pochi ragazzi. Molti hanno gli esami di terza media, altri si riposano e ricaricano le batterie in ferie.
Abbiamo new entry che si aggiungono ai rimasti della scorsa stagione.
Benvenuti Fede, Andrea, Tommy, Elena, Marghe e Rachele, ci servirà il periodo estivo per conoscerci al meglio.
Passaggio nei Children per Ele, Moud, Gusma, Luca, Ele e Mattia.....per una nuova e più stimolante avventura.


Tre giorni di sole al mattino e temporali al pomeriggio, con neve nuova e condizioni invernali.
Rimettere gli sci, riprendere i concetti di base, ricordare tutte le nozioni tecniche.
Tre sedute di curve strette ed una di curve larghe.
Qualche palo nano e portine per creare i punti di riferimento e lavorare sull'impostazione.
Sciate in campo libero piuttosto varie, neve fresca, dossi, ripido ed un po' di ripetitività per iniziare ad assimilare i gesti.



Nuove regole di comportamento e di gestione del gruppo, per creare "squadra" e divertirsi tra amici.
L'impegno per tutti di dare il massimo sia gli atleti che gli allenatori.

I prossimi blog li utilizzerò specialmente per focalizzare questi aspetti.....molto importanti per crescere a 360°.
Un duro lavoro che merita attenzione, perché solo attraverso un grande impegno da parte di tutti potremo oltre che divertirci, ottenere i migliori risultati.
Winch




lunedì 16 maggio 2016

IL PUNTO DELLA STAGIONE

SC Lecco. “Winch” Tondale traccia il bilancio di fine stagione dei Children

tondale" LECCO – Giù il sipario sulla stagione 2015/2016 per il gruppo Children dello Sci Club Lecco, che comprende le categorie Cuccioli, Baby, Ragazzi e Allievi. Un plotone di quasi 50 atleti seguiti da uno staff tecnico di prim’ordine composto da David Mellera, Yari Sola e Tommaso Tavola (Allievi e Ragazzi), Nicola Ferrari, Achille Montanelli, Tonani Niccolò e Negrini Luca (Cuccioli e Baby) tutti capitanati da Vincenzo “Winch” Tondale.
Ed è proprio quest’ultimo a tracciare il bilancio di fine stagione con uno sguardo già rivolto al prossimo anno.
“Possiamo dire che la stagione appena conclusa è stata una stagione di semina – ha esordito Tondale – Dopo aver salutato la generazione dei vari Giacomo Rigamonti, Guido Malzanni, Davide Baruffaldi, Roberta Melesi, Nicolò Molteni, Martina Nobis solo per citarne alcuni, quest’anno abbiamo accolto giovani leve e, di fatto, abbiamo dovuto riavvolgere il nastro e ricominciare quel lavoro di crescita: atletica, sportiva, umana, che ci accompagnerà nei prossimi anni. Tuttavia, qualche soddisfazione è già arrivata”.
Del resto, come non ricordare su tutti, il bronzo ai Campionati Italiani nello Slalom Gigante di Alessandro Anzani (Ragazzi U14) l’argento alla finale del Gran Premio Giovanissimi di Nico Picech o il titolo regionale in Slalom Speciale di Eleonora Pizzi (Cuccioli 2004)
“Abbiamo dato continuità al fatto che ogni anno un nostro atleta vince una medaglia ai Campionati Italiani – prosegue Tondale – quest’anno l’eccellente risultato è arrivato da Alessandro Anzani: è il bel biglietto da visita per avere lo Sci Club Lecco tra i primi club in Italia. Senza dimenticare che i 2003, come gruppo, sono stati i più forti a livello regionale. In prospettiva futura l’obiettivo, con questi atleti, è quello di crescere anno per anno e continuare il nostro solito percorso per essere sempre tra i migliori in Italia”.
Risultati non eccelsi sono giunti dai 2000… “Sono tutti atleti di buon livello come per esempio Lorenzo Ciolina e Valentina Vecchio – spiega ‘Winch’ Tondale – forse non ai livelli dei Baruffaldi e dei Molteni degli scorsi anni, ma hanno dimostrato di essere ottimi atleti ed entrambi hanno vinto due gare regionali, il primo nel Super G e la seconda nello Slalom. Come loro, Alessandro Mauri e Tato Pelizzari, possono ancora crescere ed hanno buone basi per poter fare bene nel mondo dei Giovani. Mentre l’obiettivo per il nostro team, anche per il prossimo anno, resta quello di avere qualche atleta tra i primi tre ai Campionati Italiani”.
Focus poi sulle categorie Cuccioli e Baby: “Avevamo un nuovo gruppo di lavoro e allenatori con poca esperienza – prosegue Tondale – ma nonostante ciò hanno dimostrato di avere grande passione e attaccamento alla maglia dello Sci Club Lecco riuscendo a fare un ottimo lavoro grazie alla forza del gruppo e alla collaborazione tra tutti noi allenatori. Aspetto, quest’ultimo, che ritengo sia la chiave del nostro successo in tutti questi anni. Siamo riusciti a creare un gruppo unito, che lavora in sintonia, che lascia da parte i personalismi a favore della squadra”.
Tornando ai risultati, Tondale non ha dubbi: “Abbiamo avuto Cuccioli come Massimiliano Gusmini e Nico Picech che hanno fatto ottimi risultati a livello nazionale, senza dimenticare Eleonora Pizzi (campionessa regionale di Slalom Speciale) e ancora Luca Bianchi, Cristiano Brambilla, Enrico Zucchini e Alessandro Pizzi. Tutti loro hanno fatto registrare buoni risultati a livello regionale”.
Stringato ma più che positivo il giudizio per i più piccoli della categoria Baby: “Direi un’ottima stagione”.
Risultati che sono indubbiamente importanti, ma non sono fondamentali in queste categorie, come tiene a sottolineare lo stesso Tondale: “C’è un aspetto ancor più preminente: il divertimento. La parte ludica per i Cuccioli e i Baby è basilare, deve essere sempre presente in un percorso lungo i percorso di crescita tecnica in prospettiva delle categorie superiori. Senza divertimento si rischierebbe di perdere piccoli atleti che in futuro potranno diventare grandi campioni”.
Intanto lo Sci Club Lecco, per poter lavorare al meglio sul fronte Children, ha consolidato a Santa Caterina Valfurva quella che Tondale definisce “la nostra nuova casa”, “dove – spiega – abbiamo creato un nostro centro di allenamento che ci permette di poter svolgere un lavoro di qualità”.
Guardando alla prossima stagione, Tondale ha le idee chiare: “Nella categoria Allievi abbiamo degli ottimi atleti al primo anno di categoria quindi sarà un anno di semina e di esperienza. Invece, nella categoria Ragazzi abbiamo un buon gruppo di 2003, con loro vogliamo lavorare sodo per poter ottenere migliori risultati”.
Ma non è tutto, “Quest’anno abbiamo avuto qualche infortunio di troppo, quindi, per la stagione prossima, vogliamo migliorare molto sotto il profilo della preparazione atletica. Poi c’è l’aspetto scuola, lo Sci Club Lecco, molto sensibile sul fronte istruzione, sta lavorando per creare una collaborazione con gli istituti scolastici arrivando ad introdurre la figura del tutor all’interno del nostro team con il compito di seguire i ragazzi negli studi durante la stagione sportiva. Del resto, la crescita di un atleta non deve e non può avvenire solo sulle piste da sci, ma prima ancora avviene sui banchi di scuola. Solo in questo modo si può ambire a diventare veri atleti e se si ha la stoffa giusta dei campioni”.
Concludendo, ma rimanendo nel solco della scuola, abbiamo chiesto a Tondale di dare le pagelle di fine anno ai suoi ragazzi, allo staff tecnico e al suo operato.
“Agli Allievi do un 6 e mezzo e ai Ragazzi 8, allo Staff Tecnico 7 per l’impegno ed i sacrifici e 6 per i risultati. Per quanto riguarda i Cuccioli 8, e ai Baby 7,5 mentre, allo Staff Tecnico do un 10 per l’impegno e un 9 per i risultati. Per quanto mi riguarda un 6 meno meno: ‘se si impegna può fare di più…’ “, chiosa il “professor” Tondale al quale non manca mai la battuta pronta."

Da Lecco Notizie 15.05.2016

domenica 3 aprile 2016

FINALE DEVASTANTE

Dopo un primo giorno positivo e benaugurante, i Campionati Italiani si concludono in modo devastante.
Da mercoledì abbiamo assistito a condizioni atmosferiche che hanno compromesso il regolare svolgimento della manifestazione.
Nebbia, pioggia, neve senza un raggio di sole, con le condizioni delle piste e di visibilità sempre al limite.







































Devo fare i miei complimenti all'organizzazione ed alla sinergia che gli allenatori dei vari club ci hanno regalato.
In condizioni estreme hanno sempre cercato di tenere le piste al meglio, in un continuo e frenetico lavoro di preparazione, di lisciatura e di salatura.
Peccato che dopo 9 mesi di lavoro ci si debba giocare le gare più importanti in questo modo.
Vero che i migliori vengono sempre fuori, che emerge chi ha lavorato di più ed è più preparato, però le manche sono state a netto vantaggio dei primi numeri di partenza......che ovviamente se li sono guadagnati nelle varie selezioni regionali.


Il terreno reso compatto dal sale buttato a volontà, si è rovinato con i passaggi e certamente ha prevalso chi, senza paura e con grande intelligenza, combatte ed è determinato.
Ecco l'atteggiamento ha fatto molto la differenza a discapito dello sciare bene e della precisione.
Ovvio che i primi sono grandissimi atleti e dei quali prevedo un gran futuro.







































Noi finiamo con un bottino piuttosto povero per quello che mi aspettavo, però ovviamente per ottenere dei risultati bisogna anche arrivare e dimostrare il valore.
Un bronzo, tre piazzamenti nei 15 ed altri due nei trenta potevano essere migliorati da una maggiore intelligenza e combattività. Ci si è anche nascosti dietro a numeri di pettorali alti, che in un Comitato Alpi Centrali è dimostrazione di grande valore tecnico, visto che nei maschi si è arrivati ad averne anche 10 nei primi trenta, come avevo preventivato prima di andare.
Abbiamo pagato la mancanza di abitudine a competizioni di alto livello, con tensioni in partenza che elimineremo col tempo.


Mi aspettavo molto Anz nello slalom Ragazzi dove il podio ed anche qualcosa in più era alla nostra portata....grossissima delusione, ma ci stà uscire. Dopo il bronzo nel GS poteva essere più sereno.
Viki è stata molto brava in GS e SG, mentre in slalom deve ritrovare la strada.
Nel gigante Allievi le condizioni erano tragiche ed i pettorali hanno veramente penalizzato il responso. Zero coraggio e poca intelligenza, hanno fatto la differenza.
Lo slalom Allievi era fattibile, ma col giusto atteggiamento. Salvo solo la seconda manche di Lollo, che con il 15° tempo rimedia ad una prima manche ingessata e chiude 25°.
I tre Allievi hanno futuro e buona tecnica. matureranno per provarci nei Giovani.


I due ragazzi hanno molta qualità e ci lavoreremo per essere già competitivi la stagione prossima.
Mercoledì rivincita al Pinocchio, per chiudere al meglio la stagione.
Un pensiero a Valentina e, vedendo i risultati delle Allieve, ci sarebbe stato spazio anche per lei.....sicuramente nelle prime dieci posizioni......in bocca al lupo per la tua rieducazione e ti aspettiamo.
Winch






giovedì 31 marzo 2016

TIMBRATO IL CARTELLINO

Prima giornata ai Campionati Italiani Children.......e già portiamo a casa l'obiettivo che c'eravamo posti.
Un grandissimo Ale Panz Anzani ci regala un bronzo nel gigante Ragazzi di Sestriere.
L'avevo visto in forma negli ultimi allenamenti e specialmente ieri che avevamo saggiato la pista, aveva dimostrato di essere......come dice lui.....ben sopra gli sci.
Finalmente si è scrollato di dosso le tensioni delle gare importanti e, pur in un tracciato che lo sfavoriva, è riuscito a mettersi al collo il bronzo.







































Le curve a 18-22 metri sul muro dove hanno fatto il gigante olimpico e nemmeno le ragazze della Coppa Europa erano scese, non l'hanno messo in difficoltà e con una tattica attenta è riuscito a cambiare marcia da metà gara in poi.
Bene.....complimenti...ottimo e benaugurante inizio.


David mi ha chiamato subito ma il collegamento con Bardonecchia dove io ero al superG Allievi era molto frammentario.....
Nel frattempo era già scesa Viki col 45 e nel gigante femminile era riuscita a rimontare fino ad un fantastico 17° posto che esprime il suo reale valore. Partendo meglio avrebbe sicuramente potuto essere tra le migliori dieci. Brava....son molto contento per lei.
Bini nei maschi e Currado nelle femmine vincono meritatamente la gara. Complimenti!!!





A Bardonecchia affrontiamo il superG senza poter fare la prova e sicuramente i piemontesi sono avvantaggiati da un percorso molto ondulato e pieno di dossetti, salti e compressioni.
Il tracciato è piuttosto stretto e molto rotondo....sicuramente premia chi le curve le sa disegnare.
Beh Colombi è imbattibile e Lollo partendo con l'8 ci prova.
Parte piuttosto titubante per poi man mano riuscire a sciare bene, a parte sotto il primo salto dove arriva lungo e perde sicuramente qualche decimo.
Alla fine è tredicesimo di valore, anche se qualche speranziella ce l'avevamo.
Comunque bravo.
Tato partendo con l'80 trova una pista piuttosto rovinata e non essendo un grande supergigantista porta a casa un buon tempo, anche se la classifica lo penalizza.
Ale purtroppo parte senza il sole e la visibilità si fa tutta molto piatta.
Torna su deluso per non essere stato in grado di esprimersi......peccato.
Domani invertiamo il programma e speriamo in un'altra buona giornata.....con la speranza che gli allievi, pur partendo indietro possano fare una buona gara.
Winch

video



domenica 27 marzo 2016

CONDIZIONI FANTASTICHE

Ottimi allenamenti a Santa Caterina in preparazione di Campionati Italiani e Finale Pinocchio.
Cinque giorni in condizioni perfette con un gran sole e neve fantastica....ancora invernale.
La temperatura è molto fredda durante la notte per scaldare in giornata.
Cerchiamo di variare molto le piste ed i pendii.
Proviamo anche una giornata ad Oga, in un'ottima pista dove non c'è nessuno e si può tranquillamente tracciare le tre specialità.







































Sabato e domenica scorsa solo con gli Allievi, visto che i Ragazzi hanno recuperato i superG Indicativa e Regionali. Sono molto contento perché si sono comportati ottimamente, pur su una pista al Tonale, molto facile ed adatta ad i pesi massimi e sciatori scorrevoli.
Anz con un terzo ed un quarto, conclude al secondo posto la Kombinata ed è terzo nella graduatoria assoluta per i Campionati Italiani. Bene anche gli altri anche se mancano di pochissimo la qualificazione. In compenso c'è la certezza di avere il miglior gruppo 2003, che in prospettiva futura è stimolante.
Anche Viki accede alla fase nazionale, pur se mi aspettavo di più......è in crescita e penso farà bene in Valsusa.




Ale, Lollo e Tato sono gli altri qualificati, con Valentina che purtroppo deve rinunciare per l'infortunio.....si è operata....in bocca al lupo!!
A Oga un bel gigante a 25 metri per ca. 50 secondi, prima parte ripida e poi un lungo piano dove si riesce a trovare una bella spinta. Sette prove. Poi tracciamo subito uno slalom a 10 metri per fare 5 giri e lavorare sulle linee ed il busto.
Domenica replichiamo con uno slalom a Santa Caterina sulla Edelweiss.
Cerchiamo di sistemare alcuni particolari come migliorare il taglio in ingresso curva, sostenendo bene la gamba.
Punto molto a limare movimenti inutili di braccia e busto....predico semplicità ed ordine.
I ragazzi ogni tanto si fanno prendere dalla foga e li richiamo alle linee sopra il palo.







































Riprendiamo giovedì con una tre giorni prima di Pasqua.
Gigante sulla Compagnoni a 26-27 metri, partenza sotto lo ski-lift ed arrivo al Fank.
Molto angolo per cercare profondità e tempismo.
Siamo in 16 con quattro allenatori.....ottimo lavoro.
Sempre un po' di campo libero, con qualche esercizio prima di iniziare. La neve e la battitura della pista è da urlo ed i ragazzi si divertono.







































Nel pomeriggio tracciamo slalom sulla Edelweiss, per uno slalom a 10-11 metri con 44 pali.
Altro ottimo lavoro dove vedo molto impegno e buoni progressi.
Venerdi gigante sulla stessa pista a 25metri. Parto dalla massima pendenza con inizio ripido, poi la pista gradualmente spiana con due dossi.
Qualche esercizio prima di iniziare sul Canalino, pista spettacolare per trovare delle belle pieghe e pulizia nei tagli, oltre che sfociare sul piano ed utilizzarlo per migliorare la spinta.
Anche nel gigante, alla fine, facciamo qualche esercizio per sistemare e martellare sui fondamentali.
Nel pomeriggio ancora slalom ma scendiamo sulla variante Tre Signori.
Qui la neve è più compatta ed il terreno più vario.
Un tracciato più filante con obiettivo aumentare il ritmo.






Il sabato facciamo solo slalom al mattino.
Li vedo tutti molto più pimpanti e precisi.....dopo cinque-sei prove però si inizia a notare un po' di stanchezza per il lavoro svolto nei tre giorni.
Torniamo a casa per la Pasqua con partenza lunedì per Bardonecchia.....ci prepariamo a combattere.
Winch






domenica 20 marzo 2016

PRENDO ATTO

Non riusciamo a chiudere definitivamente questi campionati regionali a Temù - Passo Tonale.
Il superG Ragazzi viene disputato dalle femmine, mentre le condizioni atmosferiche non permettono la discesa dei maschi.
L'abbiamo recuperato oggi insieme al superG Indicativa che doveva essere fatto a Colere.

Sono piuttosto amareggiato. Non sono soddisfatto di questi Regionali, forse i peggiori da diversi anni.
Non amo nascondermi e mi prendo le mie responsabilità.
Sapevo ad inizio stagione di partire per un cambio generazionale.
Ero consapevole di non avere più un Baruffa che ci mettesse la ciliegina sulla torta, con risultati di prestigio.
Entusiasmo e passione mi hanno un po' fregato. Ero convinto, forse con un po' di presunzione, di riuscire a portare a casa comunque ottimi risultati, invece sono solo buoni.
Ho sempre cercato di spingere e caricare i ragazzi affinché potessero arrivare a queste gare con l'obiettivo di primeggiare.
Ho come chiodo fisso che devo essere io a far andare forte i ragazzi.....senza prendere scuse....senza ricercare alibi. Non mi piace perdere.......devo per forza combattere e raggiungere obiettivi importanti.
E' anche la storia dello Sci Club Lecco che me lo impone.
Quindi.....mi prendo le mie colpe.



Posso riguardare fino ad ora la stagione e cercare di darmi delle risposte.
Sono abituato a focalizzare le cose positive ed eliminare quelle negative. Anche perché credo molto nel mio metodo e nel mio lavoro.
Credo nella mia filosofia di preparazione dei Children in prospettiva Giovani.
Non programmi estremi, non performance ogni giorno, non spingere sempre al massimo l'acceleratore ed invece lavorare sulla tecnica, sulla pulizia del gesto, sul divertimento, sulla cura maniacale dei particolari.







































Stelvio e Santa Caterina sono eccezionali per noi....una logistica quasi perfetta.
Purtroppo sono a due ore e mezzo da casa.
L'argomento scuola per noi è importante e viene penalizzato per allenamenti periodici e gare.
Ecco forse sono questi due argomenti ai quali dobbiamo trovare una migliore soluzione ed integrazione.
Ci mancano dei "passaggi" nei pali e qualche sciata in campo libero più tranquilla per esercizi ed assimilazione del gesto.
Durante la settimana dovremmo cercare di aggiungere un pomeriggio/mattina, durante l'autunno qualche giorno in più.
Ci sarà da modificare il sistema in qualche particolare.



Allo stesso tempo ci sono anche gli altri....i nostri avversari.
Forse renderci conto che non sempre puoi creare un vincente.....almeno a breve.
Il nostro Comitato ha almeno 10-12 Allievi maschi che possono giocarsi i podi ai campionati italiani.
Tanti talenti che combattono e lavorano sodo, con mille sacrifici.
Noi siamo lì....a un secondo....in alcuni casi a pari....ma dobbiamo essere perfetti in gara.
Lollo, Ale e Tato sono ottimi atleti appassionati. Ognuno con i propri difetti ma con grande volontà di emergere e crescere.



Lollo terzo a 19 centesimi la prima manche di slalom.....la seconda sono stato io a dirgli di arrivare, non avendo altri punteggi in slalom.....finisce quinto. In superG è secondo in prova, confermando la vittoria dell'Indicativa....in gara non vede bene e non si fida....chiude ottavo...delusi ma ci stà.
In gigante out.....ci ha provato.
Ale è piuttosto teso nelle gare, frutto di una forma che si vede sempre a fine stagione e nella quale deve rimediare alle gare mediocri di gennaio.
In slalom è out, in gigante undicesimo e superG nono....non bene....però l'atleta c'è ed in futuro ci deve provare. Gli manca ritmo e maggior grinta.
Tato è sempre piuttosto nervoso con la voglia di dimostrare il suo valore.
In gigante è 13° dopo vari errori, in slalom out da asino e superG non benissimo.
Dei 2001 salvo Pietro che ha fatto un gigante grandioso nei trenta e Tabo un buon superG. Martins partiva troppo indietro e la pista non era un granché.
Purtroppo ci è mancata molto Valentina.
Ci avrebbe permesso di combattere per i podi....alzare il livello dei nostri risultati.
Purtroppo la rottura del crociato l'ha malamente eliminata.
Unica soddisfazione è essere comunque qualificata come sesta ai campionati italiani, senza partecipare ai regionali.



Dai ragazzi mi aspettavo di più dai 2002.
Anz con possibilità di vincere sempre. Un secondo in gigante ed un quarto in superG, mentre in slalom rovina una prima manche da secondo posto con un inforcata nella seconda.
Fede per dimostrare la crescita evidenziata in allenamento. Un decimo in gigante beneaugurante, un'uscita in slalom ed in superG, molto leggero e tanto spigolo, non gli portano meglio di un 18°
Nanu non esce dal suo tran tran di mediocrità. piazzamenti nei trenta.
Viki sfortunata nei centesimi. Un quarto in superG ed un quinto in gigante, ottimi ma a briciole dal podio. Nello slalom da rivedere.
I 2003 molto propositivi.
Zuk grande talento GS e SG due piazzamenti nei venti, si gioca gli Italiani.
Grande progresso ancora di Bold sempre nei trenta.
Teba, Cesna, Pecca e Christopher esperienze per la prossima stagione, comunque tra i migliori del loro anno.
Anna sempre molto timorosa.....speriamo si sblocchi in futuro.

Adesso qualche giorno di allenamento prima di Pasqua e poi via agli Italiani e Pinocchio nazionale.
Winch